Home > Notizie > Congresso Senior Italia: il ruolo degli infermieri nell'assistenza agli anziani


Congresso Senior Italia: il ruolo degli infermieri nell'assistenza agli anziani

Pubblicato il  25 novembre 2016

Redattore  Lorenzetti Cristina

 

Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione Ipasvi, ha sottolineato il ruolo degli infermieri nell’assistenza e nel sostegno agli anziani, intervenendo alla giornata conclusiva del Congresso Nazionale di Senior Italia, la federazione delle associazioni della terza età. Fondata nel 2006 con lo scopo di tutelare i diritti e migliorare la qualità della vita delle persone Senior. Senior Italia FederAnziani riunisce numerose associazioni per un totale di 3.500 Centri Sociali per Anziani (CSA) su tutto il territorio nazionale ed oltre 3,8 milioni di persone aderenti.
 
Il riferimento di Mangiacavalli  all’età sempre più avanzata e alla necessità di mantenere le persone in salute ruota attorno al ruolo dell’infermiere.
 
“L’invecchiamento della popolazione – ha sottolineato Mangiacavalli - è un fatto ormai evidente e tutti sanno che gli anziani saranno presto la parte preponderante dei cittadini. Ma l’età anziana se da un lato aumenta proprio grazie ai progressi della scienza, dall’altro presenta una serie di ostacoli che si moltiplicano con gli anni e a cui la scienza, o meglio l’assistenza dovrà rispondere: le malattie croniche, la presenza nello stesso individuo di più patologie, fino alla disabilità e alla non autosufficienza che oltre a cure e assistenza richiedono attenzione anche per il mantenimento della dignità della persona”.
 
Al Congresso – oltre 4mila partecipanti – era presente anche uno stand della Federazione Ipasvi, gestito dal Collegio di Rimini, letteralmente preso d’assalto e che ha raccolto l’opinione di oltre 500 partecipanti – i risultati saranno resi noti dopo l’elaborazione dei questionari -  sull’infermiere di famiglia, figura molto apprezzata da tutti, che rende ottimale l’assistenza in un settore chiave per ridurre l’utilizzo improprio dell’ospedale. Questi professionisti, oltre a dare assistenza ai pazienti, possono facilitare il percorso tra le strutture ospedaliere, le strutture territoriali e, sul territorio, tra i medici di famiglia e gli altri attori dell’assistenza e coordinare le attività assistenziali a livello territoriale e domiciliare. Tra gli obiettivi c’è la riduzione delle ospedalizzazioni evitabili e il ricorso improprio al pronto soccorso a favore dei pazienti. Anziani in testa ovviamente. 
 
"Il Collegio di Rimini - ha commentato la presidente, Marina Mazzotti - è stato presente nello stand affidatogli durante la manifestazione "Forum della Salute - Senior Italia" garantendo una presenza continua durante tutto l'arco dell'evento. Abbiamo offerto risposte e soluzioni possibili in merito a quesiti proposti, somministrato un questionario sull'importanza dell'infermiere di famiglia sensibilizzando gli interlocutori in merito all'importanza e all'utilità di questa figura. Oltre alla distribuzione di volantini e pieghevoli inerenti la nostra professione e di quante e quali cose l'infermiere oggi si occupi e gli ambiti molto ampi nei quali esplica l'assistenza ad una utenza sempre più aggiornata e che richiede prestazioni qualitativamente sempre più impegnative; ci siamo resi disponibili alla misurazione della saturazione di ossigeno periferico e al monitoraggio della frequenza cardiaca. Abbiamo dato consigli su come poter mantenere un buono stato di salute con l'attività fisica ed una dieta corretta. Siamo stati visitati da circa 650 persone e abbiamo riscontrato in tutti i casi un ascolto attento ed  interessato a quanto veniva loro detto. Ci riteniamo soddisfatti dell'esperienza fatta - conclude Mazzotti - e certi di aver fornito un supporto utile ai visitatori, quanto meno per il riscontro avuto

 

 

 (Testo completo sul sito della FNC http://www.ipasvi.it/ )

Torna all'inizio
© 2015 - IPASVI - Collegio Infermieri professionali, Assistenti sanitari, Vigilatrici d'infanzia - Lucca - C.F. 80012820462