Home > Notizie > Regione Toscana: Borse di mobilità professionali


Regione Toscana: Borse di mobilità professionali

Pubblicato il  17 aprile 2018

Redattore  Lorenzetti Cristina

 La Regione Toscana favorisce l’occupazione dei propri cittadini, facilitando anche per il tramite della rete Europea della mobilità professionale Eures la libera circolazione dei lavoratori ed attua la strategia coordinata per l’occupazione. In particolare, la Regione Toscana promuove una forza lavoro competente, qualificata ed adattabile ed è impegnata a migliorare il funzionamento, la coesione e l’integrazione dei mercati del lavoro dell’Unione, anche a livello transfrontaliero. Obiettivo del presente AVVISO è quello di promuovere l'occupazione e di migliorare la qualità e l'efficacia dei servizi per il lavoro attraverso il consolidamento della rete EURES. La promozione dell'occupazione giovanile tramite la mobilità professionale si inserisce nell'ambito di Giovanisì, il progetto della Regione Toscana per l'autonomia dei giovani.
- Il presente Avviso finanzia borse di mobilità professionale dell'importo massimo di € 5.000,00 per lo svolgimento di un’esperienza lavorativa (lavoro/apprendistato) o di tirocinio non curriculare in un paese Ue o EFTA (Norvegia, Islanda, Svizzera e Liechtenstein) diverso da quello di residenza. Tale importo verrà erogato a copertura di quanto segue: 1. borsa di inserimento lavorativo differenziata per tipologia di contratto: · euro 500,00 mensili per i soggetti che hanno un contratto di lavoro/apprendistato all'estero · euro 750,00 mensili per i soggetti che svolgono all’estero un tirocinio La borsa di inserimento lavorativo potrà essere erogata per un numero di mensilità da un minimo di 3 a un massimo di 6 e in relazione alla durata del contratto di lavoro/apprendistato/tirocinio, pertanto, se ad esempio il contratto di lavoro ha una durata di quattro mesi, anche la borsa di inserimento lavorativo potrà essere richiesta per un massimo di quattro mesi. Le posizioni di lavoro/apprendistato o di tirocinio devono essere conformi alle leggi nazionali in materia di lavoro, protezione sociale e sicurezza sul lavoro. 2. spese di viaggio A/R da e verso il paese dell'Unione europea o EFTA diverso da quello di residenza dove si svolge il contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato, da rendicontare a costi reali per un importo massimo di € 500,00; 3. spese di iscrizione per la frequenza di un eventuale corso di lingue o corso di formazione in Italia o nel paese Ue o EFTA dove si svolge il contratto di lavoro/tirocinio/apprendistato, per un importo massimo di € 1.500,00, da documentare a costi reali. 
Torna all'inizio
Borsa mobilità Professionale

Flyer YfEj 5_0 (1)

Sintesi Avviso Borse Mobilita New

© 2015 - IPASVI - Collegio Infermieri professionali, Assistenti sanitari, Vigilatrici d'infanzia - Lucca - C.F. 80012820462